Venezia, Città Metropolitana di Venezia

Una Venezia Inedita: I Racconti delle Grandi Donne Serenissime

Cultura

Date disponibili

  • Sat Sep 26 2020 07:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

    Sat Sep 26 2020 07:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

    Sat Sep 26 2020 07:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

Sat Sep 26 2020 07:00:00 GMT+0000 (Coordinated Universal Time)

dalle 09:00 alle 11:30

€20

persona
Potrai richiedere gratuitamente il rimborso in crediti, utilizzabili per un altro evento,

Posti esauriti


Iscriviti a Meeters

Sei già iscritto? Accedi

Cosa include:

  • una guida professionista che ci accompagnerà lungo il percorso/visita
  • accesso al gruppo riservato su Facebook per condividere il passaggio in auto
  • accesso al gruppo riservato su Facebook per condividere con gli altri Meeters l'esperienza che vivremo
  • accesso alla chat riservata della tua città dove troverai altri Meeters della tua zona
  • Potrai richiedere gratuitamente il rimborso in crediti, utilizzabili per un altro evento,
Siete pronti a svelare un profilo inedito della Serenissima? Questa uscita sarà un autentico tuffo nel passato, un piacevole itinerario tra calli e campi poco battuti alla scoperta di alcune grandi donne veneziane. Parleremo di dame che, con la loro vita, hanno lasciato un segno indelebile nella storia della città lagunare. Scrittrici, pensatrici, imprenditrici, studiose, salottiere, musiciste, signore di potere o povere cittadine vissute nell'epoca sbagliata, ma tutte ugualmente orgogliose e battagliere. I personaggi che andremo a rievocare, ci racconteranno una storia di Venezia che, ancora oggi, sorprende per i suoi risvolti straordinariamente moderni. Sedotti dall'inedita atmosfera lagunare, partiremo dallo splendido Campo San Polo e ci dirigeremo verso Palazzo Albrizzi; questo edificio è legato all'ultimo matrimonio di Elisabetta Teotochi, l'affascinante regina dei salotti veneziani a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo. Lì vicino sorge la casa di Bianca Cappello, protagonista di un intrigante scandalo cinquecentesco, una fuga d'amore presto dimenticata perché Bianca divenne Granduchessa di Toscana. Il nostro viaggio nel passato delle Serenissime ci condurrà a scoprire quale ruolo ebbero le dame veneziane non solo nella letteratura, ma anche nel giornalismo. Pochi sanno, infatti, che nel '700 la città lagunare diede i natali ad Elisabetta Caminer, prima giornalista donna della storia italiana. Infine sarà il turno della tragica vicissitudine di Fiorenza Cappello, fiera nobildonna e imprenditrice della fine del ‘500. La sua morte fu causa di uno scandalo legato alla monacazione forzata di una figlia, una vicenda dolorosa che introduce la memoria di Suor Arcangela Tarabotti, la penna più affilata della Venezia del Seicento, voce ferma di un femminismo ante litteram.

La guida

Manuel Meneghel

Dettagli

Luogo

Venezia (VE)

Livello di difficoltà (CAI)

T

Orario di ritrovo

9:00 Partenza itinerario ore 9:30.

Orario di rientro

11:30 ca.

Cani ammessi

Si sono ammessi, con guinzaglio e sacchetti per eventuali deiezioni

Stato del fondo

Stradina asfaltata cittadina

Cosa portare

Scarpe comode, una bottiglia d'acqua. Gel igienizzante e mascherina

Fai già parte di Meeters? Accedi per visualizzare tutti dettagli
Accedi

Note

REGOLE DA RISPETTARE PER PARTECIPARE A QUESTO EVENTO:
  • Ti chiediamo buonsenso e responsabilità, al fine di garantire la tua sicurezza e quella degli altri partecipanti
  • Porta sempre con te la mascherina e il gel igienizzante per le mani
  • Indossa la mascherina in tutti i luoghi chiusi e all’aperto, ove sia più probabile il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale
  • Rispetta il distanziamento sociale di almeno un metro e utilizza la mascherina qualora non possa essere garantita la distanza con le altre persone

Rispettiamo l’ambiente

  • Non lasciare rifiuti dove non è permesso.
  • Non gettare mozziconi o carte a terra.
  • Rispetta flora e fauna del luogo.
  • Cerca di tenere un comportamento corretto e rispettoso della natura/dell’infrastruttura che ci ospita.