Diventa socio
New
Esplora
Notifiche
1
Carrello

Provincia di Reggio Emilia

I Laghi del Cerreto: Escursione alle falde del Monte La Nuda

Natura

Cosa faremo

Una camminata che, partendo da Cerreto Alpi, il più antico borgo dell'Appennino Tosco Emiliano, già citato in un documento del 835, ci condurrà lungo vecchie mulattiere e antichi sentieri selciati, tra boschi di faggi, castagni e querce, a giungere a una piana ricca di laghi glaciali. 


Il piccolo Lago Scuro e il suo gemello, Lago del Vivaio, fanno da corollario all'antico Lago Pranda, lentamente interratosi e mutato in torbiera, che fu di nuovo innalzato con una piccola diga sull'emissario, il Canale Cerretano, e oggi rivive come un poco profondo ma vasto e suggestivo specchio d'acqua. 


Saliremo poi fino a una vasta piana occupata dal Lago Cerretano, dove si spande un complesso turistico tra i più attrezzati e affascinanti dell'intero Appennino. Con pochi passi ritorneremo sulle rive del Lago Pranda, dove consumeremo il pranzo al sacco rinfrescati dall'ombra dei faggi. Scenderemo quindi costeggiando l'ameno Canale Cerretano fino al luogo di partenza. 


Cerreto Alpi, che diede i natali alla mamma del  famoso scrittore Silvio d'Arzo, ospita anche un antico mulino, oggi adibito a ostello, luogo ideale per chi cercasse, come Zavattini o Giovanni Lindo Ferretti e tanti altri, un rifugio artistico e meditativo. Sarà difficile una volta ripresa la strada del ritorno non sentirne già la mancanza.


Foto Copertina: @Gianluca Culzoni  


 

Una camminata che, partendo da Cerreto Alpi, il più antico borgo dell'Appennino Tosco Emiliano, già citato in un documento del 835, ci condurrà lungo vecchie mulattiere e antichi sentieri selciati, tra boschi di faggi, castagni e querce, a giungere a una piana ricca di laghi glaciali. 


Il piccolo Lago Scuro e il suo gemello, Lago del Vivaio, fanno da corollario all'antico Lago Pranda, lentamente interratosi e mutato in torbiera, che fu di nuovo innalzato con una piccola diga sull'emissario, il Canale Cerretano, e oggi rivive come un poco profondo ma vasto e suggestivo specchio d'acqua. 


Saliremo poi fino a una vasta piana occupata dal Lago Cerretano, dove si spande un complesso turistico tra i più attrezzati e affascinanti dell'intero Appennino. Con pochi passi ritorneremo sulle rive del Lago Pranda, dove consumeremo il pranzo al sacco rinfrescati dall'ombra dei faggi. Scenderemo quindi costeggiando l'ameno Canale Cerretano fino al luogo di partenza. 


Cerreto Alpi, che diede i natali alla mamma del  famoso scrittore Silvio d'Arzo, ospita anche un antico mulino, oggi adibito a ostello, luogo ideale per chi cercasse, come Zavattini o Giovanni Lindo Ferretti e tanti altri, un rifugio artistico e meditativo. Sarà difficile una volta ripresa la strada del ritorno non sentirne già la mancanza.


Foto Copertina: @Gianluca Culzoni  


 


Altro vicino a Provincia di Reggio Emilia

Scopri tutte le esperienze

IL MONDO MEETERS

BlogEsploraAttiva gift cardT-shirt e gadgetLavora con noiCollabora con noiPartner with us

© Italia33 S.r.l.

Privacy policyCookie policyMappa del sito

Sede Legale: Ripa di Porta Ticinese, 39 - 20143 Milano ∙ Sede Operativa: Via Flavio Gioia, 6 - 37135 Verona ∙ P. IVA: 10802670967 ∙ N. REA Camera di Commercio di Milano: MI - 2558973 ∙ Capitale Sociale: 20.000 € ∙ Siamo un Tour Operator con licenza: 10802670967-16092019-1559, Regione Veneto, Verona, 13.12.2019 ∙ Polizza RC: 1-30229-319-177729374 ∙ Fondo di garanzia viaggi: 2020/1-3275