Diventa azionista
New
Esplora
Notifiche
1
Carrello

Provincia di Modena

Escursione al Ponte del Diavolo, Tra Suggestioni ed Enigmatiche Leggende - POMERIGGIO

Natura

Cosa faremo

In un percorso naturalistico contornato da fitta vegetazione cammineremo tra le leggende: dal Ponte del Diavolo al Fungo, fino alla sacra fonte di Brandola.😎

Tra Lama Mocogno e Pavullo, l’Appennino Modenese cela un enigma naturale assolutamente inspiegabile: il Ponte del Diavolo.😈

Conosciuto anche come Ponte d’Ercole, il monolite alto 3 metri e lungo oltre 33 è avvolto da un alone di mistero.

Tanto enorme, sembrerebbe poter essere stato spostato e messo lĂŹ solamente da un gigante.

La leggenda vuole che un contadino che viveva nella zona piĂš bassa del monte dovesse ogni giorno percorrere uno stancante tragitto per evitare di attraversare un fiume tortuoso.
Spossato dalla costante fatica fece un patto con il diavolo: gli propose la sua anima affinchĂŠ il signore delle tenebre costruisse un ponte per alleviare le sue fatiche.
Satana accettò e salÏ fino in cima alla montagna per prendere il monolite, ma, distratto dalle melodie di una sabba di streghe e persa la cognizione del tempo, dovette scappare al sorgere del sole, lasciando il ponte dove si trova oggi.

La roccia modificata dall'imperterrito lavorio degli agenti naturali ha assunto questo caratteristico aspetto e permette oggi di essere percorsa nella sua lunghezza, ma attenzione!❌
Secondo la credenza popolare chiunque si affacci al di sotto della passerella potrebbe evocare il Diavolo in qualsiasi momento.

Dal ponte ci sposteremo fino al Fungo, un’altra particolare formazione genuina che sembra invece essere stata scolpita a mano.

Raggiungeremo poi la fonte miracolosa, un luogo che nei Bagni di Brandola, risale a ben prima degli Etruschi.
Fonte di acqua per antiche credenze e riti pagani, è considerata magica per un episodio curioso.🤩

Gli abitanti della zona notarono che nel corso di un’epidemia che colpì le loro mandrie, i bovini guarivano abbeverandosi alla sorgente; analizzata dal medico Michele Savonarola che ne parlò in un suo trattato, da lì venne utilizzata anche per la cura dei pazienti di Bartolomeo Accursini che ne avrebbe elencato innumerevoli benefici.

Visiteremo infine l’antico borgo che nella Val Rossena ospita quest’incredibile sorgente: Brandola.

Tra misteri e curiosità, la nostra passeggiata nella natura si tingerà di un’aura tutta nuova che non potrà non farci dubitare: leggenda o realtà?🤔


Foto Copertina: @fabio-cavazzuti
In un percorso naturalistico contornato da fitta vegetazione cammineremo tra le leggende: dal Ponte del Diavolo al Fungo, fino alla sacra fonte di Brandola.😎

Tra Lama Mocogno e Pavullo, l’Appennino Modenese cela un enigma naturale assolutamente inspiegabile: il Ponte del Diavolo.😈

Conosciuto anche come Ponte d’Ercole, il monolite alto 3 metri e lungo oltre 33 è avvolto da un alone di mistero.

Tanto enorme, sembrerebbe poter essere stato spostato e messo lĂŹ solamente da un gigante.

La leggenda vuole che un contadino che viveva nella zona piĂš bassa del monte dovesse ogni giorno percorrere uno stancante tragitto per evitare di attraversare un fiume tortuoso.
Spossato dalla costante fatica fece un patto con il diavolo: gli propose la sua anima affinchĂŠ il signore delle tenebre costruisse un ponte per alleviare le sue fatiche.
Satana accettò e salÏ fino in cima alla montagna per prendere il monolite, ma, distratto dalle melodie di una sabba di streghe e persa la cognizione del tempo, dovette scappare al sorgere del sole, lasciando il ponte dove si trova oggi.

La roccia modificata dall'imperterrito lavorio degli agenti naturali ha assunto questo caratteristico aspetto e permette oggi di essere percorsa nella sua lunghezza, ma attenzione!❌
Secondo la credenza popolare chiunque si affacci al di sotto della passerella potrebbe evocare il Diavolo in qualsiasi momento.

Dal ponte ci sposteremo fino al Fungo, un’altra particolare formazione genuina che sembra invece essere stata scolpita a mano.

Raggiungeremo poi la fonte miracolosa, un luogo che nei Bagni di Brandola, risale a ben prima degli Etruschi.
Fonte di acqua per antiche credenze e riti pagani, è considerata magica per un episodio curioso.🤩

Gli abitanti della zona notarono che nel corso di un’epidemia che colpì le loro mandrie, i bovini guarivano abbeverandosi alla sorgente; analizzata dal medico Michele Savonarola che ne parlò in un suo trattato, da lì venne utilizzata anche per la cura dei pazienti di Bartolomeo Accursini che ne avrebbe elencato innumerevoli benefici.

Visiteremo infine l’antico borgo che nella Val Rossena ospita quest’incredibile sorgente: Brandola.

Tra misteri e curiosità, la nostra passeggiata nella natura si tingerà di un’aura tutta nuova che non potrà non farci dubitare: leggenda o realtà?🤔


Foto Copertina: @fabio-cavazzuti

Altro vicino a Provincia di Modena

Scopri tutte le esperienze

IL MONDO MEETERS

BlogEsploraAttiva gift cardT-shirt e gadgetLavora con noiCollabora con noiPartner with us

Š Italia33 S.r.l.

Privacy policyCookie policyMappa del sito

Sede Legale: Ripa di Porta Ticinese, 39 - 20143 Milano ∙ Sede Operativa: Via Flavio Gioia, 6 - 37135 Verona ∙ P. IVA: 10802670967 ∙ N. REA Camera di Commercio di Milano: MI - 2558973 ∙ Capitale Sociale: 20.000 € ∙ Siamo un Tour Operator con licenza: 10802670967-16092019-1559, Regione Veneto, Verona, 13.12.2019 ∙ Polizza RC: 1-30229-319-177729374 ∙ Fondo di garanzia viaggi: 2020/1-3275